L’inserimento al nido è un momento delicato che coinvolge tante emozioni e sensazioni diverse.

Per l’inserimento del bambino al Nido è indispensabile la presenza di un genitore all’interno della struttura, al fine di consentirgli di affrontare questa nuova esperienza e il distacco dalla famiglia nel modo più graduale e sereno possibile.

Sarà quindi richiesta la disponibilità di un membro della famiglia a trascorrere questo momento insieme al bambino per un periodo variabile di una o due settimane.

Per aiutare il bambino ad ambientarsi serenamente di seguito è illustrata una proposta di inserimento; Ogni bimbo è diverso dall’altro per cui la tabella potrebbe subire variazioni a seconda delle reazioni del bambino e della mamma.

Le fasi dell’ambientamento

Prima settimana

Lunedì
30 minuti
La mamma e il bambino entrano insieme nel nido e conoscono le educatrici, i compagni e i giochi.

Martedì
45 minuti
La mamma e il bambino entrano insieme nel nido e dopo i primi trenta minuti la mamma esce dalla stanza per 15 minuti sostando nella zona accoglienza.

Mercoledì
1 ora
Il bambino entra nel nido con l’educatrice e la mamma si recherà nella zona accoglienza dopo circa un’ora la mamma ritornerà a prendere il suo bambino.

Giovedì
2 ore
(Accoglienza, Merenda, Attività)Il bambino entra nel nido con l’educatrice e la mamma si reca nella zona accoglienza il bambino fa merenda con gli altri compagni e partecipa alle attività proposte.

Venerdì
3 ore
(Accoglienza, Merenda, Attività, Pranzo)Il bambino entra nel nido con l’educatrice salutando la mamma. Farà merenda con i compagni parteciperà all’attività strutturata. Pranzerà con gli altri e poi l’educatrice lo riconsegnerà alla mamma.ù

Il mercoledì, dopo la prima ora, l’educatrice informa la mamma dell’andamento dell’inserimento, se il bimbo è sereno può rimanere fino all’ora di pranzo (pranzo escluso). Qualora l’educatrice ritenesse opportuno prolungare il momento dell’inserimento, chiederà al genitore di ripetere l’orario del mercoledì giovedì e venerdì.