Giocare è una cosa seria

Il gioco libero è una cosa seria, è lo strumento principe attraverso il quale il bambino esprime la propria identità e sviluppa le proprie conoscenze, anche le più complesse. Molti studiosi hanno dimostrato come il gioco libero e socializzato abbia un’importante e fondamentale funzione nello sviluppo delle capacità cognitive, creative e relazionali.

I servizi educativi 0-6 sono luoghi privilegiati in cui i piccoli, giocando, possono sperimentarsi e conoscere il mondo.

Si pensa spesso che le attività programmate, che magari portino alla realizzazione di un oggetto/lavoretto, abbiano un importante valore, senza considerare la grande importanza che ha il gioco libero.

Il free-play, che spesso può sembrare un momento semplice o banale, permette al bambino di manifestare il suo mondo interiore che non è ancora traducibile in parole, ma che in qualche modo deve essere gestito. Ogni bambino può esprimersi liberamente e in modo creativo, attivando la conoscenza di se stesso perché è proprio nella spontaneità che emergono le sue principali caratteristiche personali. Il free-play si configura, quindi, come una fondamentale palestra di crescita.

Il gioco libero, inoltre, è per l’adulto un privilegiato luogo di osservazione. Grazie ad esso, infatti, l’educatore riesce a conoscere la vera natura comportamentale del bambino, e di conseguenza a calibrare e personalizzare il progetto e l’azione educativa, per il singolo bambino e per il  gruppo-classe.

I giochi dei bambini non sono giochi, e bisogna considerarli come le loro azioni più serie.
(Michel de Montaigne)

POST RECENTI

Bilinguismo in asilo nido: perchè è importante!
5 Giugno 2019
Easter Bonnet Parade
17 Aprile 2019
La mano è l’organo dell’intelligenza
30 Aprile 2018
Il laboratorio teatrale … è un gioco serio
2 Gennaio 2018

Iscriviti alla newsletter